Home>LASCIATI ISPIRARE>Porte>Come scegliere il colore delle porte interne

Come scegliere il colore delle porte interne

SVAI_porta in legno scuro

Ecco uno dei punti che non puoi ignorare quando lavori alla ristrutturazione e all’arredo della tua casa. Sei in procinto di acquistare infissi e definire i pavimenti, ma non basta: come scegliere il colore delle porte interne? Quali regole seguire? Per il portone blindato principale è una scelta quasi obbligata, oscilliamo intorno al marrone e al nero: niente di vistoso, ecco. Per le porte che dividono le camere e gli ambienti, invece, puoi giocare con i colori e accogliere le tue esigenze in termini di design, gusti e attitudini. Allora, come scegliere il colore delle porte interne? Ecco una piccola guida per scegliere cromie e materiali.

Porte trattate o senza vernice?

In primo luogo, bisogna valutare un punto di partenza iniziale: qual è il design che hai scelto per la tua casa? Contemporaneo? Rustico? Shabby chic? Le opzioni sono tante. Se hai deciso di seguire l’eleganza di una casa ultra-moderna e minimal puoi optare per porte interne di materiale freddo e rigoroso, come il metallo o il vetro. In questi casi la porta non viene verniciata, rimane senza alcun colore: puoi sfruttare la cromia del materiale.
Lo stesso vale per chi vuole una casa calda e accogliente. L’eleganza può avere anche i colori della natura, quindi una delle soluzioni più diffuse è quella di usare come colore delle porte interne proprio il legno, che compone questi elementi e diventa parte dell’arredo.

Come scegliere il colore delle porte in legno?

SVAI_porta interna legno nero

Se vuoi far emergere la bellezza di questo materiale, puoi scegliere il tipo di legno per influenzare anche il colore: si va dalle tinte forti del noce scuro e del mogano a quelle chiare e solari del faggio naturale. Senza dimenticare che è possibile trattare le porte in legno per mantenere il colore, ma adeguarlo alle necessità della casa. Qualche esempio? Chi decide di arredare in stile shabby chic, ad esempio, può usare porte in legno dal carattere provenzale in cui la vernice bianca viene trattata in modo da sembrare sverniciata.

Quando scegliere le porte bianche

SVAI_porta in legno bianca

Ecco una delle soluzioni più diffuse e comuni in casa: l’acquisto delle porte laccate bianche. Si abbinano bene? Dipende da come hai deciso di impostare lo stile della casa perché il colore chiaro delle porte può essere un ottimo contrasto con il pavimento scuro.
Potresti anche abbinare mattonelle nere e porte bianche, ma devi spingere su scelte di design molto specifiche se vuoi mantenere questa linea. Soprattutto con i colori lucidi che in alcuni casi possono essere interessanti, ma diventano difficili da vivere nel quotidiano.
Nella maggior parte dei casi si può pensare a porte bianche di legno, magari il rovere, per smorzare un po’ la carica cromatica del un pavimento scuro. L’importante è prendere coscienza dell’equilibrio che si deve creare tra le porte bianche e il contesto.

Porte colorate per scelte stilistiche precise

Ci sono alcune soluzioni di design che consentono di lavorare con porte colorate e vivaci. Ad esempio rosse, azzurre, nere. In alcuni casi questa è la soluzione per chi ha una casa rustica o per i proprietari che vogliono puntare su un arredo particolare, audace.
Ad esempio quello mediterraneo: in questi casi si possono restaurare vecchie porte di legno e coprirle con una lacca dedicata al colore del mare, tipo l’azzurro. Chi invece lavora sul design contemporaneo può puntare su tinte audaci come il rosso o il nero. Ma attenzione agli estremi, perché la porta è un elemento ingombrante e può diventare difficile abbinarla.
Nella maggior parte dei casi si scelgono porte colorate con combinazioni cromatiche morbide e poco faticose per gli occhi, puntando sempre a un buon abbinamento con il pavimento. Ma perché è così importante questo passaggio?

Colore delle porte interne e pavimento

Come scegliere il colore delle chiusure interne in funzione del pavimento? Questa domanda è sempre al centro delle attenzioni di chi deve arredare casa. Il motivo è semplice e si divide in due grandi filoni: disponibilità ed equilibrio dei materiali da usare in casa.
Da un lato la moderna industria dell’arredo privato offre una serie di soluzioni infinite per chi deve svolgere questo lavoro. Architetti, interior designer e semplici appassionati che vogliono migliorare e ristrutturare casa hanno solo l’imbarazzo della scelta.
Questo per quanto concerne la scelta dei pavimenti e dei rivestimenti in gres porcellanato, laminato e resina (senza dimenticare mattonelle e piastrelle). Ma anche per l’acquisto di infissi e serramenti. Inoltre, però, devi valutare l’equilibrio interno: pavimenti e porte sono elementi strutturali che hanno un grande impatto sull’occhio. Sai cosa significa?

Colore delle porte abbinato a mobili e finestre

Bisogna valutare non solo il binomio pavimento/porta ma anche tutto ciò che si usa per arredare come i mobili e gli altri infissi. Sbagliare l’abbinamento vuol dire creare una casa difficile da vivere. La regola da seguire: valutare se si amano i contrasti o gli equilibri.
Chiaramente nel primo caso si cercheranno combinazioni in cui gli elementi emergono, si impongono. Ma bisogna anche uscire dall’ottica bianco/nero: si può creare un ottimo confronto cromatico anche tra porte in tinte grigie con pavimenti chiari.
Chi preferisce lavorare con l’equilibrio seguirà una continuità cromatica e sceglierà pavimenti chiari da abbinare con le porte. Senza dimenticare che spesso un pavimento scuro ha bisogno di porte (e infissi e mobili) di colore chiaro, per evitare un eccessivo appesantimento cromatico della casa.

Vivacità, eleganza e buon gusto hanno tanti colori. Vieni da Svai per conoscerli e scoprire cosa si adatta ai tuoi pavimenti, alle tue pareti, ai tuoi desideri. I nostri esperti ti aspettano negli showroom.

Incontriamoci

Chiama lo showroom più vicino
a te e fissa un appuntamento

Trova Idee

Visita la sezione delle news
e trova nuove idee

2020-01-28T09:23:35+00:00